HOME

ArtVerona presenta gli espositori della 16a edizione

Sono già 135 le gallerie partecipanti alla 16a edizione di ArtVerona, la fiera dedicata all’arte moderna e contemporanea, in programma dal 15 al 17 ottobre a Veronafiere, in presenza e sicurezza, con la direzione artistica di Stefano Raimondi. Un risultato importante ed incoraggiante, dopo più di un anno di blocco delle attività fieristiche nazionali ed internazionali, che conferma la centralità di ArtVerona nel panorama delle manifestazioni di settore, anche grazie alla collaborazione con ANGAMC-Associazione Nazionale Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea.

Sono sette le sezioni della fiera, con diverse novità: oltre alle gallerie d’arte moderna e contemporanea della Main Section, ampio spazio sarà infatti dato alle realtà emergenti e sperimentali, alle residenze, agli spazi no-profit e ai magazine d’arte. La nuova sezione Evolution è costituita da 6 gallerie che lavorano con artisti capaci di sviluppare la propria ricerca attraverso intelligenza artificiale, social network, robotica, videogiochi, animazioni 3D, Coding, Big Data e nanotecnologie.
Introduction, una delle principali novità dell’edizione 2021 di ArtVerona curata da Giacinto Di Pietrantonio, ospita 6 giovani gallerie segnalate da altrettante tra le più importanti e riconosciute gallerie “storiche” italiane.
Lab1, a cura di Giulia Floris, è il nuovo progetto dedicato alle residenze artistiche e alle realtà sperimentali no-profit attive in Italia per l’arte contemporanea. Sette gli spazi chiamati a sviluppare un progetto per la fiera in dialogo con un programma di residenza istituzionale attivo in Italia.
Solo è la sezione che invita 9 gallerie partecipanti a valorizzare con un progetto monografico un giovane artista italiano, mentre Next è lo spazio dedicato a 15 gallerie che presentano e promuovono fino a tre talenti delle generazioni più recenti.
Pages è un progetto speciale, a cura di Ginevra Bria, che affianca la tradizionale sezione dedicata all’editoria, invitando 6 riviste –Archivio, Artribune, Exibart, ISIT.magazine, Kabul e Perimetro– a presentare la propria storia, il ruolo della critica, dell’informazione e i collegamenti con gli artisti, immersi nel sistema dell’arte italiano, attraverso un progetto di curatela monografico.

ArtVerona ha affidato a Paola Pivi il progetto immersivo Red Carpet che prenderà la forma di un tappeto interamente vivibile nella Galleria dei Signori, un ampio spazio tra i padiglioni della fiera. L’opera è realizzata in partnership con Aquafil S.p.A., uno dei principali attori nel mondo per la produzione di fibre sintetiche da materiale di riciclo.

Nell’ambito dei premi e dei riconoscimenti, ArtVerona rafforza il suo impegno a favore dell’Italian System con due nuovi premi: il Premio Massimiliano Galliani per il disegno under 35, dedicato al disegno e alla ricerca visiva emergente, e il Premio De Buris Famiglia Tommasi, aperto a tutti i giovani artisti figurativi italiani e stranieri under 35. Confermati poi tutti gli altri riconoscimenti: Premio Icona, Fondo di acquisizione A Disposizione. Veronafiere per l’arte, Level 0, a cui aderiscono le principali fondazioni e musei italiani, A Collection, Premio Studio Montani Tesei under 35, Premio Casarini Duetorrihotels per la pittura under 35, Premio MZ Costruzioni, Premio Display e Sustainable Art Prize, promosso dall’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Saranno affidate a Saverio Verini le conversazioni di Standchat tra il pubblico e gli artisti e da quest’anno anche con i galleristi che li rappresentano, estendendo così il dialogo a un’altra figura chiave del sistema dell’arte.

Inoltre, dopo gli appuntamenti online degli scorsi mesi con Talks e Counterpoint, gli incontri di ArtVerona tornano in concomitanza con la fiera con il nuovo progetto di podcast Talknow!. Durante tutti i giorni della fiera la curatrice Maria Chiara Valacchi approfondirà in diretta radiofonica i contenuti della fiera insieme ad artisti, galleristi, curatori e collezionisti, per parlare di nuovi progetti, mostre e curiosità in occasione di questa nuova fase di ripartenza.

L’edizione 2021 di ArtVerona mette la città al centro della proposta culturale, dando la possibilità di visitare anche luoghi inesplorati. Nel segno della collaborazione con le principali istituzioni della città pubbliche e private, ArtVerona presenta Art & the City, un programma di iniziative culturali dedicate al collezionismo, performance e videoarte. In particolare, da venerdì 15 a domenica 17 ottobre il Museo di Castelvecchio ospiterà tre appuntamenti di Performance&TheCity, a cura di Claudia Santeroni e Maria Marzia Minelli, con le performance di Marijke De Roover, SAGG Napoli e Sophie Jung, tre artiste internazionali che presentano le loro declinazioni di alcuni dei temi più urgenti su cui la contemporaneità impone una riflessione.

Venerdì 15 ottobre a Palazzo Poste sarà inaugurata la mostra Video&TheCity/BLAST (15-19 ottobre 2021) a cura di Jessica Bianchera e Marta Ferretti, con la partecipazione di una selezione di artisti di riconosciuta fama internazionale insieme a giovani artisti tra cui Regina José Galindo, Santiago Sierra, Daniela Comani, Inhabitants, Amir Yatziv, Elisa Caldana, Diego Tonus, Michal Martychowiec, Rebecca Moccia, Simona Andrioletti, Sofia Borelli, Chiara Ventura, i quali utilizzano il video e l’immagine in movimento per analizzare e testimoniare diverse categorie di violenza, spesso incorporando nuove tecnologie e modalità di circolazione digitale. La mostra è parte di un più ampio programma di ricerca volto a esplorare in modo allargato e partecipato la relazione tra violenza, documento e verità pubblica attraverso l’uso del mezzo video. Il progetto è realizzato in collaborazione con AGIVERONA, Careof, Diplomart, LOOP Barcelona, Palazzo Poste Verona, ReContemporary, Seven Gravity Collection e grazie al sostegno di Fondazione Cariverona.

Sabato 16 ottobre doppio appuntamento a Palazzo Orti Manara: prenderà infatti il via la mostra Collection&TheCity/Ciak Collecting: Collezionismo Italiano Attivo, a cura di Irene Sofia Comi, che si propone di mappare il panorama italiano dei collezionismi attraverso l’approfondimento di alcune realtà individuali e collettive che caratterizzano la figura del collezionista come protagonista della scena e attivatore di esperienze condivise. In contemporanea si terrà la presentazione di Critical Collecting. Antologia 2016-2020, pubblicazione curata da Antonio Grulli e che rappresenta una delle più dettagliate ricognizioni del mondo del collezionismo italiano che ha coinvolto fino ad oggi ben 50 critici d’arte e altrettanti collezionisti.

Infine, domenica 17 ottobre è in programma una visita guidata con Patrizio Peterlini, Direttore Fondazione Bonotto a EX-CRETA FLUXORUM, mostra di opere Fluxus di George Maciunas e Yoko Ono dalla Collezione Luigi Bonotto, nell’ambito di Pietre Preziose. Azioni & perturbazioni intorno a Fluxus, ospitata all’Accademia di Belle Arti di Verona.

ArtVerona nella giornata di domenica 17 ottobre si svolge in contemporanea a Vinitaly Special Edition, evento nato con l’obiettivo di una ripartenza del settore vitivinicolo con un format innovativo, professionale e una forte vocazione all’internazionalità.

Infine, Veronafiere ha attivato un importante Protocollo di tutela anti covid-19 per garantire a tutti gli espositori, visitatori e organizzatori una permanenza nei padiglioni in sicurezza, senza però snaturare il senso della visita alla manifestazione.